All News

Figuccia: “Miccichè ha capito che deve accodarsi. Il futuro è dei quarantenni”

Il nuovo asse dei quarantenni

“Sono stato il primo già un anno e mezzo fa a sostenere che nel centro-destra siciliano sarebbe servita una ventata di rinnovamento – a dirlo è Vincenzo Figuccia deputato dell’Udc all’Ars e leader del Movimento Cambiamo la Sicilia che prosegue – sono stato il primo a fare degli scontri forti con il Presidente dell’Assemblea regionale ed oggi vedo che questa posizione è condivisa da tanti e non solo all’interno dell’area moderata che si esprime in seno alla lista dei candidati di Forza Italia. Sono stato il primo ad intravedere in Cateno De Luca la possibilità di affermare una nuova leadership di quarantenni con i quali condividere un progetto di rinnovamento che parta dai valori sturziani e che si esprima in una prospettiva meridionalista che riparta dal Sud e dalla Sicilia e che riporti la questione meridionale nel dibattito della politica nazionale. Tutto accade proprio in questo centrodestra dove tanti sono anagraficamente giunti al canto del cigno. Mi fa piacere che tanto la prima, quanto la seconda considerazione abbiano trovato conferma nelle dichiarazioni degli esponenti politici regionali.

Anche le ultime esternazioni del Presidente dell’Assemblea mi danno ragione. È un nuovo asse che si è creato e che vedrà raggiungere degli obiettivi importanti a beneficio della Sicilia nei prossimi anni. Questa settimana insieme a Cateno De Luca ho portato avanti la candidatura di Dafne Musolino, anche lei quarantenne e questa oggi rappresenta senza dubbio, una prospettiva nuova che irrompe nello scenario della politica siciliana con l’asse De Luca-Figuccia. A De Luca – conclude – mi accomuna la determinazione nelle scelte, l’essere anti-sistema e la chiarezza sulla priorità dell’obiettivo da raggiungere: la rinascita della Sicilia”.

In alto
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com