Enna: assolte “perché il fatto non sussite” le due ginecologhe di Nicosia Di Costa e Vena

Enna – Il Presidente del Tribunale di Enna, Dott. Francesco Paolo Pitarresi, in funzione di giudice monocratico ha assolto, con formula piena, “perché il fatto non sussite”, la Dott.ssa Maria Di Costa, difesa dall’avvocato Salvatore Timpanaro, e la Dott.ssa Rosaria Vena, difesa dall’avvocato Francesco Greco, ginecologhe in servizio presso l’Ospedale di Nicosia, dall’accusa di omicidio colposo in relazione alla morte di Antonella Seminara, avvenuta nella notte tra il 4 ed il 5 agosto del 2013 a seguito di un intervento di parto cesareo, conseguente a distacco di placenta e morte intrauterina fetale, presso il nosocomio nicosiano.

Antonella Seminara era stata ricoverata nel pomeriggio del 4 agosto per distacco di placenta e subito sottoposta ad intervento di taglio cesareo; era già assente il battito cardiaco fetale al momento del ricovero.

La Procura nicosiana contestava ad entrambe le ginecologhe e ad altri sanitari il reato di omicidio colposo, per avere omesso di effettuare un intervento di isterectomia sulla paziente, che era deceduta per una massiva emorragia dopo il trasferimento in urgenza in elisoccorso presso l’ospedale di Sciacca, essendo indisponibile un posto in rianimazione presso l’ospedale di Enna.

Il P.M., sulla scorta della consulenza di parte dei propri periti Dott. Giuseppe Ragazzi e Dott.ssa Claudia Giuffrida, aveva, in un primo tempo, tratto a giudizio tutta l’equipe operatoria, comprendente oltre alle due ginecologhe anche l’anestesista, Dott. Pietro Trovato e le due ostetriche Floriana Caceci e Mastrandrea Maria Rita, tutti difesi dall’avvocato Salvatore Timpanaro. Il difensore aveva, però, subito ottenuto lo stralcio e l’archiviazione per l’anestesista e le due ostetriche.

Il processo – durato ben sette anni – proseguiva, quindi, solamente nei confronti delle due ginecologhe.

Si costituivano parte civile il marito della Seminara con l’avv. Mario Consentino, i genitori ed il fratello della vittima con l’avvocatessa Cinzia Di Vita e l’associazione Codici Salute con l’avvocato Nino Cammarata.

Nel corso del lunghissimo dibattimento molteplici sono state le consulenze e le perizie. L’avv. Timpanaro ha nominato consulenti di parte per la Dott.ssa di Costa un illustre cattedratico, il Prof. Emiliano Maresi, anatomo patologo, e la Prof.ssa Antonina Argo, medico legale, entrambi dell’Università di Palermo; nonché il Dott. Giuseppe Canzone, primario ginecologo e direttore dell’Ospedale di Termini Imerese.

L’avv. Greco ha nominato propri consulenti la Dott.ssa Pierangela Fleres, medico legale, e il Dott. Antonio Luciano, ginecologo. Anche le parti civili hanno nominato propri consulenti: il Prof. Livio Milone ed il Dott. Lucio Mandalà.

Il Tribunale – attesa la complessità delle problematiche scientifiche implicate nel processo – ha disposto una super perizia collegiale, nominando i professori Alessio Asmundo, medico legale, e Franco Maria Accardo, ginecologo, entrambi dell’università di Messina.

I periti di ufficio – accogliendo in pieno le tesi della difesa – hanno ritenuto che “nella tragica vicenda per cui è processo, è del tutto sostenibile la conformità del comportamento delle odierne imputate al modello stereotipico del professionista scrupoloso operante secondo criteri di prevedibilità-riconoscibilità ed evitabilità dell’evento”, concludendo per l’assoluta correttezza della condotta professionale delle due imputate, ed escludendo che l’isterectomia avrebbe potuto avere un effetto salvifico della paziente.

L’udienza del 12 febbraio è stata particolarmente lunga e a tratti drammatica. Iniziata nella mattinata si è conclusa solamente nel pomeriggio. Il Giudice è entrato in camera di consiglio dopo la lunga ed appassionata arringa dell’avvocato Timpanaro, durata quasi due ore.

A margine dell’udienza, dopo la pronuncia della sentenza di piena assoluzione l’avvocato Timpanaro si è dichiarato molto soddisfatto: << Per le due imputate è finito un incubo durato  per ben sette anni.

L’istruttoria magistralmente condotta dal Presidente del Tribunale Dott. Pitarresi è stata complessa ed approfondita. Abbiano avuto la fortuna di esporre le nostre difese davanti ad un Tribunale attentissimo e scrupolosissimo che le ha in pieno recepito. Il dato più importante, che voglio sottolineare, è che siamo riusciti a dimostrare l’innocenza delle due imputate e, nel contempo, la responsabilità della rete assistenziale e le disfunzioni del sistema sanitario >>.

Questa nostra tesi è stata in pieno condivisa dai due Periti di ufficio che hanno formulato un vero e proprio “jaccuse” sul malfunzionamento della rete assistenziale, affermando testualmente: << soltanto per il malfunzionamento della rete assistenziale costruita per l’assistenza alla paziente non è stato trovato ed ottenuto un tempestivamente normale posto in un reparto di  terapia intensiva, nonostante la tempestività della richiesta per via telefonica >>.

Sostanzialmente la responsabilità per la morte della Seminara secondo la tesi della difesa – seguita dai periti di ufficio – sta nel malfunzionamento della rete assistenziale: nella mancanza di un reparto di rianimazione presso l’ospedale di Nicosia, nella mancanza di disponibilità di posti presso l’ospedale di Enna che pure, secondo il sistema aziendale, era tenuto a prestare assistenza per i casi più gravi all’ospedale nicosiano, nelle disfunzioni del sistema di elisoccorso, nel guasto dell’elicottero messosi in volo tardivamente da Caltanissetta e presto rientrato per un’avaria. La successione di queste disfunzioni ed una serie di eventi avversi non hanno dato scampo alla Seminara, vittima, quindi, non di un errore delle due ginecologhe ma di una rete assistenziale colpevolmente inefficiente.

 

Raccomandati per te

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.