In ricordo di Riccardo Guliti, stamane spesa per 180 famiglie indigenti

di Gioacchino Bosco 

I volontari hanno il sorriso di Riccardo stampato sulle magliette, i pacchi spesa e le colombe pasquali sono posizionati con ordine sui banchi, fuori dai cancelli del civico 110 di via Castellana la fila è lunga già dalle prime ore del mattino. Inizia così questa giornata di sole sui piazzali della parrocchia Gesù Sacerdote. Il motivo di tutto è un anniversario molto sentito in quella comunità parrocchiale: è il terzo anno dalla dipartita del piccolo Riccardo Guliti, venuto a mancare all’età di 3 anni. Non una commemorazione ma una festa, lo si vede dagli occhi di papà Salvo e mamma Angela: sono lucidi, imperlati dall’emozione e di tanto in tanto si incrociano con i poster giganti del loro “Piccolo Principe” che irrompono sulla scena. 180 pacchi spesa allestiti dai due coniugi che con il sostegno di alcuni, hanno acquistato alimenti e viveri di ogni tipo.

La parrocchia si organizza e fa festa per rendere piacevole il momento. Canti religiosi che si alternano con gli interventi del comico Lupetto di Sicilia Cabaret, tutto è volto ad intrattenere la carovana di gente accorsa dall’intero comprensorio. I Carabinieri della stazione Altarello di Baida e i gli operatori dell’associazione Motostaffette si prestano con zelo a garantire l’ordine e il decoro tra la gente stanca, stremata da giorni difficili ma che dopo la fiduciosa attesa, giunto il proprio turno, davanti a quel sorriso stampato sul volto di quel bel “ricciolo”, poteva rendersi conto che quel gesto non dovuto, era un gesto d’amore da parte di Riccardo e della sua famiglia. “Dio vi benedica, grazie per quello che fate” si sentono ripetere i due giovani coniugi. Non manca neanche l’omaggio dell’elicottero della Polizia di Stato che saluta la comunità regalando gli scatti più particolari della mattinata. Anche il parroco Padre Antonino Vicari impartisce la benedizione alla gente in sosta e lancia parole di speranza per affrontare questo momento di emergenza sanitaria. E infine il parlamentare regionale Vincenzo Figuccia, a offrire una presenza istituzionale. C’è una comunità riunita, forte, corporativa.

Sì certamente faremo torto a qualcuno per non averlo espressamente citato ma vale la pena dire che è stata una giornata piena di solidarietà. È vero, è sempre difficile raccontare momenti così ma vale la pena dire che Riccardo ha sorriso, anche per la gente che non lo conosceva e che magari senza esplicite intenzioni lo ha conosciuto per necessità.

Ebbene sì, “Non esiste separazione finché esiste il ricordo” (Isabel Allende)

Raccomandati per te

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.